Per richiedere la rimozione di queste immagini scrivere a [email protected]

BIOGRAFIA

Ursula, il cui vero nome è Patrizia, è nata il 29 novembre 1965 a Fiesole (Firenze) ed è sposata con Giovanni. Insieme dirigono una azienda meccanica con 15 dipendenti ed una fabbrica di intimo decisamente ben fatto e, ovviamente, sexy. E’ possibile acquistare la biancheria UC dal sito ufficiale della pornomanager.

Vedere un suo film e vederla in azione significa capire che molte pornostar italiane e straniere, anche molto famose, non sono nulla a confronto di Ursula, la quale è veramente un’artista dell’erotismo e della pornografia.

Da circa dieci anni Ursula frequenta Club Privati e di scambisti, ed è nata proprio in questa occasione la sua voglia di esibirsi. Nel 1995 la prima volta al Misex come animatrice nello stand di Malizia (giornale di incontri).

Nel 1996, invece, si esibisce in esclusiva per il locale Armony e al Misex ’96 esce lo scoop della sua doppia personalità e diventa la “porno-manager”.

Ursula Cavalcanti è stata ospite di molteplici trasmissioni tra cui: I fatti vostri; Mille e una donna; Forum; Iva show; Target; Verissimo; Le Iene; Tv 7; Tempi moderni; Buona Domenica; Maurizio Costanzo Show; Varie televisioni internazionali.

IMPEGNI e RICONOSCIMENTI

Nel 1997 il primo film hard “Le due anime di Ursula”. Dal 1998 in poi firma una esclusiva per il regista Silvio Bendinelli della SHOW TIME dove gira i film “Mamma” “Gioventù bruciata” “Anni di Piombo” con chiari richiami storici – con recensioni su MAX. Tutti gli ultimi film sono stati primi in classifica per il genere hard 1998 meeting Giglio d’oro miglior attrice protagonista 1998 European x Award migliore attrice italiana 1998-99 nomination Impulse d’oro Tre nomination Festival di Bruxelles Tra i film più recenti si annovera anche: Grazie Zia, Machbeth e la nuovissima pellicola “Festival” vera propria parodia del Festival più famoso d’Italia quello di S. Remo, presentato proprio durante questa edizione. Tutte con la regia di Silvio Bandinelli definito a furor di popolo come “l’intellettuale dell’hard”.

LINKS