Ho visto che il mio ragazzo aveva una pagina su MySpace, e così ho voluto averne anche io una mia… Vivo per lo più a Parigi e lavoro come direttore creativo di Louis Vuitton, e l´altra metà dell´anno la occupo lavorando alla mia linea, Marc Jacobs. Sono decisamente impegnato: con queste parole si presenta il più famoso designer statunitense nella nuovissima pagina di MySpace che ha appena creato.

Marc Jacobs è tra i primissimi designer ad approcciarsi in modo diretto alla più popolata comunità virtuale del web. La popolarità di Marc ha fatto sì che, nel giro di poche ore, oltre 13.000 nuovi amici abbiano “aggiunto” la sua pagina. Il primo è stato il 26enne newyorkese Jason Preston, che ha persino sul proprio braccio un tatuaggio con il logo dello stilista, in segno di ammirazione e devozione.

La descrizione che Jacobs dà di sè continua così: “Sono un fashion designer di 44 anni, e sono fiero di esserlo. Lavoro nella moda da oltre 20 anni…. Sono contento del mio lavoro, dei miei amici e della mia ritrovata sobrietà, dopo una ricaduta lo scorso anno. Non mi sono mai sentito bene come adesso. Mi sto scoprendo per tutti i miei nuovi amici di Myspace. Non l´ho mai fatto prima, ma c´è sempre una prima volta per tutto”.

Marc si offre così senza veli e mediazioni ai suoi fan, che possono scoprire interessanti curiosità sul suo conto dalla scheda che Marc in persona ha compilato. Fra le attività preferite dallo stilista troviamo lo yoga, cenare con gli amici, andare per gallerie e collezionare arte. I suoi gusti musicali comprendono Sonic Youth (scelti anche come colonna sonora della pagina), Nirvana, Amy Winehouse e Rufus Wainwright, mentre i suoi film del cuore sono Un sogno lungo un giorno, Shrek e i Tenenbaum. In tv Marc guarda solo South Park e il suo libro preferito è Il grande Gatsby. Tre gli eroi che il designer segnala: al primo posto il partner d´affari Robert Duffy, seguito da Yves Saint Laurent, e dall´artista pop Ed Ruscha.

Andando sul privato, Jacobs si dichiara sentimentalmente impegnato. Alla domanda: figli? Risponde con un possibilista: un giorno…

a cura di Federico Rocca

29/05/2007